info@deltafoto.it

Recensioni

Canon EOS 5d Mark IV

Canon EOS 5d Mark IV
Si avvicina il momento dell'uscita della canon 5d Mark IV.
La data ufficiale è per il 25 agosto 2016, il prezzo si aggira intorno ai 3000 euro 
(2970 per la precisione). Anche se poi dipenderà molto dai rivenditori.

Due saranno i kit disponibili, uno con obiettivo EF 24-70 f4 L IS USM e l'altro con il
EF 24-105 f4 L IS II USM
 

Canon EOS 5D Mark IV Rumored Specifications

  • 24.2MP Sensor
  • 61 AF Points (41 crosstype)
  • DIGIC 7+ (Single)
  • 7fps
  • ISO 100-51,200 (expandable options)
  • 3.2″ touchscreen LCD
  • CFast/SD card slots
  • Wifi built-in
  • GPS built-in
  • BG-E20 battery grip
  • LP-E20 battery
  • Slight weight reduction


Read more: http://www.canonrumors.com/canon-eos-5d-mark-iv-specification-list-cr1/#ixzz4GqINKG9r

Canon 1dx mII

Condividiamo un video di presentazione della nuova Canon 1dX mII pubblicato da Canon Australia

Un po diverso questo video di presentazione di Abraham Joffe che per questo test sfida l’inverno norvegese e il mare.

Firmware canon 5D Mark III

Canon EOS 5D Mark III: nuovo firmware versione 1.2.1

Canon ha rilasciato un nuovo aggiornamento firmware, versione 1.2.1 per Canon EOS 5D Mark III
Grandi novità e soluzioni soprattutto per chi opera nel settore video, infatti con questa versione firmware
abbiamo l’uscita video non compressa a 8 bit con timecode sull’uscita hdmi.

Ma secondo me la novità più importante è la messa a fuoco con obiettivi f 8 con punto centrale a croce,
questo ci consente la messa a fuoco automatica del punto AF centrale anche quando usiamo combinazioni di duplicatore e obiettivo che arrivano appunto a f 8

Facciamo un esempio pratico, possiamo montare il 100-400 canon f5,6 con moltiplicatore 1,4X e avere la messa a fuoco automatica nel punto centrale.

Un’altra novità importante è la risoluzione del problema in cui il valore della lunghezza focale elencato nelle
informazioni EXIF non viene visualizzato correttamente per le immagini scattate utilizzando
l’obiettivo EF 24-70 mm F4L IS USM, un problema che a volte riscontro anche con altre combinazioni
di reflex e obiettivi.

Aumenta la velocità di acquisizione della messa a fuoco della fotocamera quando si utilizza il raggio
ausiliario di messa a fuoco automatico di uno Speedlite Canon.

Risolve un problema che potrebbe verificarsi quando l’impostazione di priorità scatto continuo è
attivata per esposizioni multiple e dopo la sesta immagine acquisita si verifica una breve pausa
prima che il resto della sequenza venga completato.

La comunicazione con il trasmettitore di file wireless WFT-E7 tramite protocollo FTP è stata migliorata,
ora il trasferimento avvienecorrettamente viene visualizzato un valore “O” al contrario in caso di errore
viene visualizzato un valore “X”

Risolve inoltre un’altra serie di piccoli problemi come i malfunzionamenti con schede Eye-Fi, le linee guida
possono essere visualizzate correttamente quando si imposta il valore di limite massimo per l’opzione
[Setting the ISO Speed Range for Auto ISO/Impostazione dell’intervallo di velocità ISO per ISO automatico],e
infine anche un problema riguardante altre lingue del menù.

Il firmware è scaricabile dal sito ufficiale della canon oppure inserendo questo link
http://www.canon.it/Support/Consumer_Products/products/cameras/Digital_SLR/EOS_5D_Mark_III.aspx?type=download&page=1

 

Indicazioni per l’installazione del firmware:

Copiare il firmware dal nostro pc alla scheda CF

Inserire la scheda CF con il firmware nella fotocamera e accendere l’interruttore di alimentazione <ON>.


Ruotare il selettore di modalità per selezionare la modalità <P> (o una delle altre modalità della zona creativa).
Accendere l’interruttore di alimentazione <ON>, quindi premere il pulsante <MENU> per visualizzare il menu.

Dopo aver selezionato “Firmware Ver.xxx”, premere il pulsante <SET>.  Apparirà la schermata di aggiornamento del firmware.

 

Se la schermata di aggiornamento del firmware non viene visualizzata sul monitor LCD, il file di aggiornamento del firmware potrebbe non essere stato correttamente copiato nella scheda CF, bisogna riprovare e partire dal punto (1).
Questo messaggio viene visualizzato sul monitor LCD, controllare la versione del file di aggiornamento del firmware.

Dopo aver controllato il file di aggiornamento del firmware, le versioni del file di aggiornamento del firmware verrà visualizzata sul display LCD come segue.

Ruotare la ghiera di controllo rapido, selezionare il firmware, quindi premere il pulsante <SET>. Verrà visualizzato il seguente messaggio.
Eseguire l’aggiornamento del firmware dopo aver confermato la versione da installare, selezionando [OK] con la ghiera di controllo rapido e premendo il pulsante <SET>.

 

 

 

 

Questo messaggio viene visualizzato durante l’aggiornamento.

 

 

 

 

Quando l’aggiornamento è completato, questo messaggio viene visualizzato sul display LCD.
Completare l’aggiornamento del firmware premendo il pulsante <SET>.
L’aggiornamento del firmware è completata.

 

Formattare la scheda CF prima di utilizzarla di nuovo.

CANON 6D

CANON 6D FULL FRAME

La Canon EOS 6D è un full-frame da 20.2MP che offre una qualità d’immagine straordinariamente elevata e di dettaglio. Con il potente processore DIGIC 5 + a 14-bit di conversione, il sensore full-frame è in grado di registrare immagini vivide con sensibilità estesa fino a ISO 102400. La potenza di elaborazione offre anche intelligenti tecniche di riduzione del rumore e la possibilità di registrare le immagini fisse continuo ad una velocità fino a 4,5 fps alla massima risoluzione.

Il grande sensore CMOS full-frame da 20,2 megapixel offre un alto livello di qualità delle immagini, con perfezione di  nitidezza e dettaglio.

Il sensore più grande è in grado di produrre una maggiore profondità visiva e di gradazioni tonali.

Inoltre, un sensore grande fornisce maggiore controllo del piano di messa a fuoco e applicare le tecniche di fuoco selettivo.

Questo sensore offre immagini con una risoluzione massima di 5472 x 3648 pixel, con una dimensione del pixel di 6,55 micron quadrati, per una migliore cattura di luce e una diminuzione del rapporto segnale-rumore. Questa struttura dei pixel funziona in stretta collaborazione con il Processore DIGIC 5+, e i suoi 14-bit  per produrre una gamma di sensibilità ISO 100-25600, che può essere ulteriormente ampliata a ISO 50-102400.

Punto di messa a fuoco automatica del sistema

La 6D integra un sistema di 11 punti AF per una rapida e precisa messa a fuoco indipendentemente dal soggetto o dalla situazione di scatto. Questi 11 punti forniscono una copertura uniforme sull’intero fotogramma, mentre un più raffinato punto centrale del tipo a croce con sensibilità -3 EV fornisce più efficienza, in caso di scarsa illuminazione.  One-shot AF, AF AI Servo, e AI Focus AF sono tutti disponibili a seconda delle proprie esigenze, e inoltre la modalità AI Servo è personalizzabile per quanto riguarda la Focus Tracking, accelerazione,  sensibilità e decelerazione.

Monitor LCD

Il 3.0 “Clear View TFT LCD offre una visualizzazione di alta qualità con una risoluzione di 1.040.000 punti, e anti-riflesso. Ciò consente una visualizzazione nitida e chiara anche nella più luminosa delle condizioni e delle immagini.

È anche possibile ingrandire e navigare all’interno dell’immagine quando si usa il Live View e utilizzare le linee della griglia per il controllo di precisione oltre l’allineamento della vostra fotografia.

iFCL a 63 zone “Dual Layer “

Un sistema di misurazione intelligente funziona in combinazione con il sistema di messa a fuoco automatica e analizza in maniera indipendente messa a fuoco, colore e luminanza all’interno della scena per le impostazioni di esposizione più precisi possibili. Le 63 zone coprono l’intera area dell’immagine con grande dettaglio e la costruzione  a doppio strato consente una sensibilità più ampia per diverse lunghezze d’onda della luce.

Gli strati sono divisi in due, un canale rosso / verde e un canale blu / verde, che neutralizza le luci rosse. Una serie di algoritmi sono impiegati per combinare i dati ricevuti da entrambi gli strati, con la lettura conseguente all’esposizione estremamente precisa indipendentemente dalle condizioni di ripresa.

Questo sistema di misurazione impiega metodi di misurazione valutativa, media pesata al centro e spot per determinare l’esposizione, oltre a permettere di + / – 5 EV la compensazione dell’esposizione per una maggiore manipolazione della impostazione dell’esposizione.

EOS Video HD

La registrazione Full HD dei video è supportata in diversi formati, tra cui 1080/30p, 24p, 25p, 720/60p, 50p, 480/60p, 50p. Durante la registrazione video, una partizione da 4 GB automatica dei file viene utilizzata al fine di ottenere tempi di registrazione più continui, fino a 29 minuti e 59 secondi. Sia All I-frame (richiede UHS-I della scheda di memoria) e compressioni IPB sono supportati così come lo standard codec H.264/MPEG-4 AVC.

La registrazione video è stata ulteriormente migliorata con la possibilità di regolare manualmente le impostazioni di esposizione ei livelli audio, l’esposizione può essere regolata utilizzando sia variabili di apertura e velocità dell’otturatore, e il suono può essere gestito attraverso un livello di controllo del volume. Inoltre, un microfono stereo esterno può essere utilizzato ed è collegato attraverso il terminale microfono da 3,5 millimetri.

Il processore DIGIC 5 + oltre a migliorare notevolmente i tempi di risposta video, aiuta a ridurre gli artefatti a colori, aberrazioni, e fornisce al contempo la possibilità di registrare con sensibilità fino a ISO 25600 in modalità H.

Wi-Fi e GPS

Wi-Fi e tecnologia GPS rendono  la connettività altamente funzionale con altri dispositivi, tra cui la possibilità di condividere immediatamente le immagini dalla fotocamera.

Le impostazioni di esposizione possono essere controllate in remoto dal proprio smartphone.

Le funzioni del ricevitore GPS allo stesso modo sono  in grado di registrare i dati su base locale (longitudine, latitudine, altitudine e tempo universale coordinato) come dati EXIF che vengono poi incorporati  nelle tue file di immagine. Questo consente quindi di tenere traccia di dove le immagini sono state registrate e visualizzare il percorso esatto di un’eventuale viaggio fotografico.

HDR

La modalità High Dynamic Range (HDR), consente la creazione di immagini HDR in-camera, riducendo il tempo necessario per sovrapporre manualmente le immagini in post-produzione. Quando si utilizza questa modalità, una serie di esposizioni vengono effettuate  della stessa immagine, poi automaticamente sovrapposte.

 

TABELLA CARATTERISTICHE PRINCIPALI

SENSORE

Tipo

CMOS da 36 x 24 mm

Pixel effettivi

Circa 20,2 megapixel

Pixel totali

Circa 20,6 megapixel

Rapporto

3:2

Filtro low-pass

Integrato/fisso con rivestimento al fluoro

Pulizia sensore

Sistema integrato di pulizia EOS

MESSA A FUOCO

Tipo

TTL-CT-SIR con sensore CMOS dedicato

Sistema AF/punti

11 punti (1 al centro di tipo a croce fino a f/5,61, sensibilità superiore a f/2,8)

Intervallo di utilizzo AF

EV -3 – 18 (a 23°C e ISO 100)

Modalità AF

AI Focus
One Shot
AI Servo

Selezione del punto AF

Automatica
Manuale
È possibile selezionare i punti AF separatamente per inquadrare in verticale e in orizzontale

Visualizzazione del punto AF selezionato

In sovrimpressione nel mirino e sul pannello LCD e sullo schermo a controllo rapido

Blocco AF

Bloccato quando il pulsante di scatto viene premuto a metà corsa in modalità One Shot AF o viene premuto il pulsante AF-ON.

Microregolazione AF

C.Fn II-9
+/- 20 intervalli (impostazione “wide” e “tele” per messa a fuoco)
Regolazione di tutti gli obiettivi allo stesso valore
Regolazione individuale fino a 40 obiettivi
Regolazioni ricordate per obiettivo per numero di serie

CONTROLLO ESPOSIZIONE

Modalità di misurazione

Lettura TTL a piena apertura con SPC a doppio strato su 63 zone
(1) Lettura valutativa (collegata a tutti i punti AF)
(2) Lettura parziale al centro (ca. 8% del mirino, al centro)
(3) Lettura spot (ca. 3,5% del mirino, al centro)
(4) Lettura media pesata al centro

Gamma di misurazione

EV 1 – 20 (a 23 °C con obiettivo 50 mm f/1,4 a ISO 100)

Compensazione esposizione

‘+/- 5 EV, in incrementi di 1/3 o 1/2 stop (combinabile con AEB).

AEB

2, 3, 5 o 7 scatti con incrementi di +/-3 EV 1/3 o 1/2 di stop

Sensibilità ISO*

Auto (100-25600), 100-25600 (con incrementi di 1/3 di stop o stop completi)
La gamma ISO può essere estesa fino a L: 50, H1: 51200, H2: 102400
Durante la ripresa di filmati: Auto (100-12800), 100-12800 (con incrementi di 1/3 di stop o stop completi) ISO estendibile fino a H: 25600

MONITOR LCD

Tipo

TFT Clear View da 3″ (7,7 cm), ca. 1.040.000 punti

Copertura

Circa 100%

Angolo di visualizzazione (orizzontale/verticale)

Ca. 170°

Regolazione luminosità

Regolabile su sette livelli

Opzioni di visualizzazione

(1) Schermo a controllo rapido
(2) Impostazioni fotocamera
(3) Livella elettronica

SCATTO

Modalità

Scene Smart Auto, Senza Flash, Creativa automatica, Ritratto, Paesaggio, Macro, Sport, Ritratto notturno, Scatto notturno manuale, Controllo retroilluminazione HDR, Programma AE, AE con priorità otturatore, AE con priorità diaframma, Manuale

Spazio colore

sRGB e Adobe RGB

Modalità di comando

Singolo, Continuo, Autoscatto (2 sec + telecomando, 10 sec + telecomando), Scatto singolo silenzioso, Scatto continuo silenzioso

Scatto continuo

Max Circa 4,5 fps (velocità mantenuta per 1250 immagini (JPEG)¹² o 17 immagini (RAW))³ (con scheda UHS-I)²

TIPO DI FILE

Tipo fermo immagine

JPEG: Fine, Normal (conforme a Exif 2.21 [Exif Print])/sistema Design rule for Camera File (2.0),
RAW: RAW, M-RAW, S-RAW (RAW Canon seconda edizione a 14 bit),
compatibile con Digital Print Order Format [DPOF] versione 1.1

Dimensioni immagine

JPEG: (L) 5472 x 3648, (M) 3468 x 2432, (S1) 2736 x 1824, (S2) 1920 x 1280, (S3) 720 x 480
RAW: (RAW) 5472 x 3648, (M-RAW) 4104 x 2736, (S-RAW) 2736 x 1824

Tipo filmato

MOV (Video: intra frame/inter frame H.264; Audio: PCM lineare, livello di registrazione regolabile manualmente)

Dimensioni filmato

1920 x 1080 (29,97; 25; 23,976 fps) intra o inter frame
1280 x 720 (59,94; 50 fps) intra o inter frame
640 x 480 (59,94; 50 fps) inter frame

Lunghezza filmato

Durata massima 29 min 59 sec

SOFTWARE

Visualizzazione e stampa

ImageBrowser EX

Elaborazione delle immagini

Digital Photo Professional

Altro

PhotoStitch, EOS Utility (incl. scatto remoto), Picture Style Editor

ALIMENTAZIONE

Batterie

Batteria agli ioni di litio ricaricabile LP-E6 (in dotazione)

Durata della batteria

Circa 1090 (a 23 °C, AE 50%, FE 50%)¹
Circa 980 (a 0 °C, AE 50%, FE 50%)

Indicatore batteria

6 livelli + percentuale

CARATTERISTICHE FISICHE

Materiali corpo fotocamera

Rivestimento corpo anteriore e posteriore in lega di magnesio. Coperchio superiore in policarbonato

Dimensioni (L x A x P)

144,5 x 110,5 x 71,2

Peso (solo corpo fotocamera)

Circa 755 g (standard CIPA, incluse batteria e scheda di memoria)

COSTO : 1900-2000 euro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stampante Canon Pixma PRO-1

La Pixma PRO-1 è la stampante ammiraglia della Canon, in grado di produrre stampe fotografiche di alta qualità fino al formato A3.

Utilizza serbatoi più grandi della versione precedente, ed è più veloce nella stampa fotografica.

Nei vari test risulta ottima la resa nelle immagini in bianco e nero o in quelle foto con sfondi scuri, infatti grazie ai suoi 5 serbatoi tra nero e scala di grigi, riesce a restituire una profondità di immagine notevole.

I colori ad inchiostro pigmentato sono 12:  rosso, giallo, ciano, magenta, ciano fotografico, magenta fotografico, nero opaco, nero fotografico, grigio chiaro, grigio, grigio scuro

Completano il quadro il serbatoio di funzionalità Chroma Optimizer, che assicura una maggiore densità del nero e una lucentezza uniforme, e l’elevata risoluzione di stampa pari a 4800x2400dpi. Il nuovo sistema Optimum Image Generating (OIG), inoltre, analizza la foto a colori e calcola con precisione la combinazione ottimale e il volume delle gocce d’inchiostro, per arrivare alla capacità di stampare a 16 bit per canale.

La Pixma Pro-1 utilizza grandi cartucce d’inchiostro, con ognuna 36ml di inchiostro. Si tratta di una capacità nettamente superiore rispetto ai precedenti modelli Pixma Pro.

All’installazione iniziale, una notevole quantità di inchiostro viene tirato attraverso le linee di alimentazione, in modo da fornire un flusso continuo di inchiostro alla testina di stampa. Quindi se controlliamoi livelli di inchiostro, ci mostrerà livelli abbastanza bassi, ma non dobbiamo disperare perchè soltanto parte dell’inchiostro è stato scaricato, il resto sta soltanto occupando il tubo dell’inchiostro. Sostituzioni successive di singole cartucce manterranno il loro livello alto di inchiostro molto più a lungo.

La fine di un serbatoio viene visualizzato con delle spie luminose su ogni cartuccia.

Per coloro che preferiscono i settaggi manuali, Canon ha rilasciato come software gratuito, Management Pro Si Colore. Questo software permette agli utenti di calibrare sia la stampante che di creare profili ICC di alta qualità, inoltre, la Pro-1 gestisce comodamente spesse carte pesanti come Hahnemühle Baryta di Photorag, anche nel suo vassoio standard di alimentazione posteriore, con una fessura di alimentazione manuale progettato per i media, anche più spessi.

La Canon Pixma PRO-1 è un formidabile A3  di qualità professionale  in grado di stampare immagini eccezzionali. Lo fa particolarmente bene nella stampa di output in bianco e nero o quasi nero, grazie ai suoi serbatoi di nero e grigi.

Riportiamo di seguito alcune principali caratteristiche:

PIXMA PRO-1 Specifiche principali

12 serbatoi di colore a pigmento comprendente 5 inchiostri monocromatici e una serbatoio di funzionalità Chroma Optimizer
Grande capacità dei serbatoi di inchiostro 36ml
4800 x 2400 dpi Risoluzione di stampa
Alimentazione carta manuale per supporti spessi
Built-in porta Ethernet

Cosa c’è nella scatola?

Pixma Pro-1 stampante
Stampa CD / DVD vassoio
PGI-29 cartucce d’inchiostro (12)
Cavo di alimentazione
Testina di stampa
CD di installazione
Scheda di garanzia

Il costo si aggira intorno ai 740 euro
 

Canon 70-200 f:2,8 is usm II

Canon 70-200 f:2,8 is usm II

obiettivo canon 70-200-f2,8 is usm II

obiettivo canon 70-200-f2,8 is usm II

Il 70-200mm F2.8 L EF IS II USM è stato annunciato nel gennaio 2010 in sostituzione di Canon EF 70-200mm F2.8 L IS USM, che risale al 2001. Con il rapido aumento della conta dei pixel del sensore reflex che immettono qualità ottiche, lenti ‘sotto esame sempre più fine, la società ha chiaramente sentito che era il momento di un aggiornamento per questo cavallo di battaglia professionale, e ha rinnovato il design di conseguenza. Nel processo, che afferma di aver migliorato quasi ogni aspetto della lente, tra cui l’ottica, autofocus, stabilizzazione delle immagini, e la progettazione meccanica.

La formula ottica è sufficientemente complessa – 23 elementi in 19 gruppi – e comprende non meno di cinque elementi a bassissima dispersione (UD), più uno a base di fluorite, per ridurre al minimo l’aberrazione cromatica. La distanza di messa a fuoco minima è stata ridotta, il sistema IS aggiornato per dare dichiarati 4 stop di stabilizzazione, e il sistema di messa a fuoco automatica rivisto per soddisfare le esigenze delle più recenti veloci Canon, ad alta risoluzione DSLR, come la EOS-1D Mark IV.

Naturalmente tutto questo ha un prezzo considerevole, superiore ai 2000 euro.

Esteticamente ci sono dei cambiamenti dal suo predecessore, innanzitutto la ghiera di messa a fuoco è più larga, e alla fine dell’obiettivo c’è una parte di grip per favorire la presa quando si monta e si smonta l’obiettivo dalla fotocamera.

macchinetta canon

Internamente la formula ottica rivista ha ora cinque elementi in vetro UD piuttosto che quattro, e comprende un elemento in fluorite. L’IS è stato aggiornato alla più recente di Canon a 4 stop del sistema, e la distanza di messa a fuoco minima di 1,4 m da un lieve miglioramento a 1,2 m, con un corrispondente incremento di ingrandimento massimo di 0.21x.

Come tutta la serie L Canon anche questo obiettivo è costruito con gli standard più elevati e l’accattivante colore bianco sporco a quanto pare è stato progettato per ridurre gli effetti del riscaldamento sotto la luce solare diretta.

Questo obiettivo è dotato del motore ultrasonico di Canon per l’autofocus, che funziona molto bene, ed è praticamente silenzioso durante il funzionamento. La messa a fuoco è estremamente veloce e precisa, tuttavia si deve osservare che la velocità e la precisione di messa a fuoco dipende da un certo numero di variabili, tra cui il corpo macchina utilizzata, contrasto del soggetto, e la luce livelli.

Come il suo predecessore questo obiettivo ha un’alta capacità di fornire senza problemi uno sfocato notevole quando si cerca di isolare un soggetto dallo sfondo, in genere quando si usa una lunghezza focale e l’apertura di grandi dimensioni. Questo è un aspetto del carattere della lente, che si presenta però un pò più duro rispetto alla versione precedente.

Mostra livelli di aberrazione cromatica veramente contenuti grazie probabilmente all’elemento aggiuntivo alla fluorite, e una nitidezza superiore al suo predecessore,

Un’altro miglioramento evidente del 70-200mm Canon è il sistema di stabilizzazione dell’immagine, che viene dato con un guadagno di 4 stop, (la versione precedente 3 stop) quindi tempi posa fino a quattro stop più bassi del solito. Il meccanismo è praticamente silenzioso in uso, con un solo clic udibile quando si attiva e disattiva. Basta guardare nel mirino per rimanere impressionati dalla stabilizzazione quando l’ IS è attivo.

La nuova versione insomma cambia molto, fornendo semplicemente prestazioni mozzafiato sia su APS-C e full-frame corpi. E ‘eccezionalmente nitido, anche a F2.8 – tanto che non c’è praticamente alcun miglioramento visibile al centro chiudendo il diaframma.

L’obiettivo mantiene la stessa solida costruzione in metallo di corpo, sigillato contro polvere ed acqua come la versione precedente, e l’anello di messa a fuoco leggermente più largo e un pulsante di bloccaggio sul paraluce come ultimo miglioramento utile.

Riportiamo di seguito le specifiche tecniche fornite da CANON

 

Specifiche Tecniche

Angolo di campo (orizz, vert, diag)

29° – 10°, 19°30′ – 7°, 34° – 12°

Struttura obiettivo (elementi/gruppo)

23/19

No. lamelle diaframma

8

Apertura minima

32

Distanza minima di messa a fuoco (m)

1,2

Ingrandimento max (x)

0,21 (a 200 mm)

Informazioni sulla distanza

Fornite

Stabilizzatore d’immagine

4 stop

Tipo motore AF

USM ad anello¹

Resistenza polvere / umidità

Diametro filtro (mm)

77 mm

Diametro per lunghezza (mm)

88,8 x 199

Peso (g)

1490 g

Ingrandimento con tubo di prolunga EF12 II

0,28 – 0,06

Ingrandimento con tubo di prolunga EF25 II

0,36 – 0,14

Paraluce

ET-87

Custodia morbida

LZ1326

Portafiltri (custodia III*)

NC

Portafiltri (custodia IV*)

1

Extenders EF1.4x II e EF2x II

Compatibile

 

 

Serie L Canon – Cosa significa!!

La serie L è una linea di obiettivi prodotti da Canon al top della gamma .

La sigla L per queste lenti, sta per “Low Dispersion” – grazie alle lenti UD che si trovano in questi obiettivi anche se forse la vera risposta è che probabilmente la “L” significhi “Luxury”. Un chiaro riferimento ai costi elevati di questa gamma di obiettivi.

La serie L può essere riconosciuta da un anello rosso intorno alla parte anteriore della lente.

Linea rossa posta sulla parte anteriore

Gli obiettivi della serie L condividono una serie di caratteristiche comuni:
Un elemento in fluorite  con indice di rifrazione basso, e eccellente trasmissione della luce infrarossa e ultravioletta.

Lenti UD (ultra-low dispersion) a basso indice di rifrazione, e a bassa dispersione.

Lenti  asferiche (AL) con una curvatura ideale che fa convergere i raggi paralleli in un unico punto focale con altissima precisione. E’ questo che ci  fa apprezzare immagini dal dettaglio definito ad altissimi  livelli mai raggiunti.

Motore ultrasonico (sigla USM), molto preciso e soprattutto silenzioso, da ricordare poi che la messa a fuoco frontale non ruota,  per rendere ottimale l’uso dei filtri (ad esempio polarizzatori circolari).

Controllo elettromagnetico del diaframma (sigla EMD) per un’alta precisione di controllo sulle aperture.

Sistema IS (image stabilization) per una stabilizzazione dell’immagine anche di 4 stop grazie ai precisi giroscopi contenuti nell’obiettivo.

Interno obiettivo serie L

Obiettivi di lunghe focali hanno un colore bianco sporco per ridurre l’assorbimento di calore sotto il sole che potrebbe influire sul funzionamento della lente.

Gli obiettivi a corta focale sono neri, ma comunque tutti distinguibili in quanto la serie L ha l’anello distintivo rosso sulla parte anteriore dell’obiettivo.

Ultima ma non ultima grande caratteristica di questi obiettivi è la grande resistenza alla polvere e all’umidità.

obiettivi di colore bianco

Riportiamo  il link del sito canon – http://web.canon.jp/imaging/l-lens/index.html –  dove viene spiegato (in inglese) in maniera molto dettagliata la costruzione di questi obiettivi in tutte le loro parti, con molte foto e animazioni per una visione più chiara della struttura degli obiettivi serie L Canon.